Ipnosi e mindfulness insieme… Perché no?

Ci hanno provato alla Baylor University di Waco, in Texas, scoprendo che l’ipnosi può accelerare il raggiungimento degli obiettivi dello stato di mindfulness, con sostanziali effetti positivi sui livelli di stress.

La ricerca è stata pubblicata sull’International Journal of Clinical and Experimental Hypnosis (Olendzki et al., 2020).

“La mindfulness – spiegano gli americani a Medical News Today – è un tipo di meditazione che comprende la focalizzazione dell’attenzione sul momento presente. Può aiutare a fare fronte allo stress, ma richiede mesi di formazione e pratica”.

Grazie all’ipnosi è ora possibile velocizzare il processo, raggiungendo risultati terapeutici migliori in tempi più brevi, con chiari vantaggi in termini di costi e benefici.

Lo studio è stato condotto su 42 partecipanti con alti livelli di stress percepito. Si è svolto in otto sessioni settimanali della durata di un’ora ciascuna, integrate da una registrazione per facilitare l’autoipnosi.

Rispetto al gruppo di controllo, i soggetti sperimentali hanno riportato una significativa riduzione dello stato ansioso, con un parallelo miglioramento della qualità dello stato di mindfulness raggiunto.

Fonti: